Visualizzazioni totali

mercoledì 29 agosto 2012

Z.T.L. - CONCORSO DI PIU' VIOLAZIONI - OGNI SINGOLA VIOLAZIONE DEVE ESSERE SANZIONATA


Corte di Cassazione Civile sez. II 12/4/2012 n. 5809
Circolazione stradale - art. 198 del Codice della Strada - concorso di più violazioni - zona a traffico limitato


SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
Con ricorso dell'11.3.06 al Giudice di Pace di Verona T.M.C., nella qualità di proprietaria di un autoveicolo in relazione al quale erano state verbalizzate dalla polizia municipale n. 33 violazioni dell'art. 7 C.d.S., per altrettanti ingressi in orari non consentiti in una zona a traffico limitato della suddetta città (c.d. (omissis) ) tra il 24 11.05 ed il 25.11.06, propose opposizione ex artt. 204 bis cit. cod. in rel. 22 L. 689/81, deducendo vari profili di illegittimità delle contestazioni.
Resistita dal Comune di Verona, la plurima opposizione fu respinta dal giudice adito con sentenza n. 4644/07, avverso la quale l'opponente propose appello.
Tale impugnazione, cui aveva resistito l'ente appellato, venne accolta dall'adito Tribunale di Verona, con sentenza del 3.3.-15.7.10, annullando tutti i verbali opposti e condannando il Comune alle spese del doppio grado di giudizio.§
Disattesi i primi tre motivi (rispettivamente deducenti l'illegittimità costituzionale dell'art. 198 co, 2 C.d.S. nella parte non prevedente la possibilità di irrogare unica sanzione in caso di ripetute violazioni della stessa disposizione, la mancata applicazione dell'art. 8 bis L. 689/81 e l'omissione di adeguata pubblicità circa l'estensione della Z.T.L. alla località cittadina interessata), il giudice di appello riteneva invece fondati i rimanenti tre, al riguardo rispettivamente considerando sulla scorta della documentazione fotografica dimessa dallo stesso Comune: a) che la segnaletica era inadeguata, contraddittoria poco leggibile e tale da indurre in errore gli automobilisti, in quanto, ad un primo cartello indicante un divieto di svolta a destra limitato dalle ore 7 alla 21, 59, ne faceva seguitoci l'ingresso della zona "(omissis) ", un secondo "complicatissimo con diciture assai minute" indicanti diversi orari di divieto di transito nell'arco della giornata, mentre mancava ogni opportuna segnalazione luminosa; b) che sul retro dei cartelli non erano indicati, in violazione della prescrizione contenuta nell'art. 77 co. 7 del reg. di esecuzione del C.d.S., gli estremi del provvedimento comunale istituente i divieti; c) che infine le telecamere rilevatrici non risultavano omologate, mentre la documentata revisionerei giugno 2005, era anteriore alla loro installazione avvenuta nel mese successivo.
Avverso la suddetta sentenza il Comune di Verona ha proposto ricorso per cassazione affidato a tre motivi.
Ha resistito la T. con controricorso, contenente ricorso incidentale condizionato.
MOTIVI DELLA DECISIONE
Con il primo motivo del ricorso principale vengono dedotte violazione degli artt. 345, 115 e 116 c.p.c., 7 co 1 lett. b), 39 co. 2, 45 co. 1 C.d.S. (d.lgs. 245/92), 77 co. 1, 135 co. 14 e fig. II 322 reg. att. C.d.S. (d.p.r. 495/92), 3 L. 689/81, nonché omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione su punti decisivi, censurandosi l'accoglimento dell'appello e dell'opposizione sulla base della prima ratio decidendi in narrativa riferita.
Si lamenta, sul piano processuale, che sarebbe stata recepita una ragione oppositiva inammissibile, perché diversa da quelle addotte in primo grado.
Sul piano sostanziale, si sostiene che l'esclusione della colpa dell'automobilista (nella specie il marito dell'opponente), incorso nelle reiterate violazioni, sarebbe stata erronea e contraria, in assenza di prove di caso fortuito o forza maggiore, alla presunzione dettata dall'art. 3 L. 689/81, essendo stata la Z.T.L. istituita per motivate esigenze ambientali su autorizzazione ministeriale, concretamente attuata con segnaletica conforme alla normativa codicistica e regolamentare, oltre che al provvedimento autorizzativo, tenuto conto in particolare della particolare sequenza delle relative indicazioni e prescrizioni, che avrebbero reso perfettamente intelligibili i divieti, nelle fasce orarie di riferimento, nella specie violati.
Il motivo è fondato.
Pur rilevandosi, sul piano processuale, che la doglianza accolta dal giudice di appello era stata proposta, si a pure in termini alquanto generici, nell'ambito del secondo motivo del ricorso di primo grado (laddove si era tra l'altro accennato ad un "segnale stradale impossibile da interpretare", successivamente rimosso dal Comune), va osservato, sotto il profilo sostanziale, che nella situazione descritta dal giudice d'appello non può configurarsi alcuna contraddittorietà della segnaletica, tale da indurre in errore un automobilista dotato di media diligenza, tenuto ai sensi dell'art. 38 co. 2 C.d.S. all'osservanza delle prescrizioni rese note a mezzo della segnaletica stradale, quando questa sia, come previsto dal successivo art. 39 co. 2, sia conforme alle caratteristiche di formato, dimensioni e simbologia stabilite nel regolamento attuativo.
In particolare, la possibilità di svolta a destra in determinati orari, desumibile dal primo cartello menzionato nella sentenza impugnata, non dispensava il conducente dal prestare attenzione ai successivi segnali, che, proseguendo nella marcia, avrebbe poi incontrato, considerato che la vigenza spaziale di ogni divieto o prescrizione non può che valere fino al punto in cui non se ne incontri una successiva di contenuto diverso; sicché non può ravvisarsi scusabile, in guisa da escludere la colpa ex art. 3 L. 689/81, l’errore scusabile, consistito, come nella specie ritenuto dal Tribunale, nell'aver proseguito la marcia confidando nella persistente vigenza della prima segnalazione, senza tuttavia prestare attenzione a quella successiva, che, regolando in concreto l'accesso alla zona a traffico limitato, conteneva, come è nella specie incontroverso, le prescrizioni di orario in concreto disattese dal conducente. Del tutto generiche ed irrilevanti risultano le osservazioni del giudice di appello, secondo cui tale secondo cartello sarebbe stato "complicatissimo e con diciture assai minute", considerato: a) anzitutto che, a fronte della deduzione da parte del Comune di legittimità della segnaletica, non era stata specificamente dedotta la non conformità della stessa alle caratteristiche dimensionali, simbologiche e grafiche previste nel regolamento di esecuzione e attuazione del nuovo C.d.S. (D.P.R. 495/92), in particolare alla "figura II 322/a art. 135", prevedente, oltre ad un ben visibile segnale di divieto di circolazione (costituente la regola generale), anche un sottostante pannello integrativo, indicante le eccezioni a tale divieto; b) che lo stesso giudice, comunque, è stato in grado di leggere, dalla riproduzione fotografica in atti, le prescrizioni, con particolare riferimento agli orari contenute nel pannello, il che lascia presumere (tanto più in assenza di una specifica deduzione dell'opponente, che aveva essenzialmente lamentato la natura "complicatissima" del segnale e l'assenza di adeguata pubblicizzazione dell'estensione della Z.T.L., ma non l'illeggibilità grafica), che le stesse fossero leggibili dagli automobilisti.
Ogni altra considerazione esposta al riguardo nella sentenza, sconfinando palesemente in valutazioni di opportunità circa l'adozione e le modalità attuative del provvedimento de quo, vale a dire in un campo riservato alla P.A., in concreto attenutasi alle citate disposizioni codicistiche e regolamentari, deve ritenersi del pari irrilevante ai fini del riscontro dell'elemento soggettivo delle infrazioni, la cui presunzione di sussistenza ex art. 3 L. 689/81 non è risultata nella specie superata.
Con il secondo motivo si censura, per violazione e/o falsa applicazione dell'art. 77 co. 7 Reg. Es. C.d.S. (D.P.R. 495/92) l'accoglimento del motivo di opposizione relativo alla mancata indicazione sul retro dei segnali in questione degli estremi del provvedimento impositivo, deducendo, con richiamo alla giurisprudenza di questa Corte, che la relativa omissione non determina l'illegittimità dei divieti o prescrizioni segnalatane esime gli utenti della strada dalla relativa osservanza, assolvendo le indicazioni a mere esigenze di controllo interne alla P.A., ed osservando che comunque, nel caso di specie, l'opponente si era limitata ad un rilievo meramente formale, senza porre in dubbio la sussistenza di un provvedimento ad hoc del Comune, copia del quale era stata peraltro prodotta dalla difesa dell'ente. Anche tale motivo è fondato, alla luce del principio, desumibile dalla giurisprudenza di questa Corte, secondo cui, fermo restante l'obbligo degli automobilisti di prestare osservanza alle prescrizioni e divieti risultanti dalla segnaletica stradale, il solo rilievo formale della mancanza sul retro dei cartelli dell'indicazione, prescritta dall'art. 77 co. 7 del regolamento citato, del provvedimento legittimante la relativa apposizione, ove non ne sia contestata la radicale sussistenza (ipotesi nella quale l'amministrazione opposta è tenuta fornirne la prova), non costituisce, in assenza di alcuna disposizione che la preveda, motivo di illegittimità degli obblighi o divieti (v., tra le altre, Cass. nn. 12431/10, 16884/07, 8667/06, 715/06, 3962/06). Nel caso di specie il giudice di appello non ha tenuto conto che l'opponente si era limitata ad un mero rilievo formale e che, comunque, il Comune aveva documentalmente provato l'esistenza del provvedimento de quo, peraltro già ammessa dalla predetta, che ne aveva soltanto lamentato l'inopportunità e l'inadeguata pubblicizzazione.
Con il terzo motivo si deduce violazione e/o falsa applicazione degli artt. 201 D.lgs. 285/92 e 383 D.P.R. 495/92, degli artt. 115, 116 c.p.c., nonché omessa o insufficiente motivazione su punto decisivo, censurandosi la terza ratio decidendi della sentenza impugnata, in contrario osservando che nessuna norma impone che nel verbale siano indicati gli estremi dell'omologazione dell'apparecchio impiegato per l'accertamento dell'infrazione; tale omologazione era comunque intervenuta con decreto ministeriale del 31.5.01, prodotto in copia agli atti, al pari di quello del 28.4.05 di autorizzazione del Comune di Verona all'istallazione dell'impianto. Il Tribunale avrebbe confuso l'omologazione con la revisione delle apparecchiature ed erroneamente ritenuto, in assenza di alcuna disposizione che la imponesse, non trattandosi di strumenti di misura, ma di registrazione di fotogrammi, la necessità della taratura; peraltro, quand'anche vi fosse stato un obbligo di revisione annuale, essendo stato l'impianto installato, previo documentato collaudo, nel luglio del 2005, all'epoca dei rilievi delle infrazioni, tra il novembre dello stesso anno ed il gennaio del successivo, il temine revisionale non sarebbe ancora scaduto.
Anche tale motivo deve essere accolto, risultando assorbente, rispetto ai suesposti, pur fondati, rilievi, la considerazione della radicale e palese irrilevanza del motivo oppositivo, in un contesto nel quale l'opponente non aveva contestato l'avvenuto reiterato transito del proprio veicolo nella zona interdetta al traffico nei giorni e negli orari riportati nei singoli verbali, ma essenzialmente dedotto la sostanziale l'illegittimità del divieto stesso e la mancanza di colpa del conducente nell'accedere alla Z.T.L. in quegli specifici orari; sicchè, il mero rilievo formale, circa l'assenza di "omologazione" e "taratura" delle apparecchiature, con le quali si era proceduto all'accertamento fotografico delle infrazioni risultava fine a sé stesso e privo di concreta rilevanza, attesa l'implicita ammissione delle condotte trasgressive. Manifestamente infondato è, infine, il ricorso incidentale condizionato (da esaminarsi in conseguenza dell'accertata fondatezza di quello principale), con il quale si lamenta la mancata applicazione alla fattispecie dell'art. 8 bis della L. 689/81, norma che, tenuto conto della identità delle violazioni e del limitato arco temporale della relativa commissione, sostanzialmente integranti, secondo la deducente, un'"unica condotta di durata", avrebbe a suo avviso comportato l'irrogazione di una sanzione unica.
Premesso che la soluzione di continuità temporale tra le varie condotte, ciascuna consumata ed esaurita nelle circostanze di tempo e luogo accertate nei rispettivi processi verbali, rende improponibile l'adombrata tesi della "permanenza", richiedente una condotta unitaria protratta nel tempo, e che, sotto il profilo della "continuazione", la normativa in materia di sanzioni amministrative, come ripetutamente precisato dalla giurisprudenza di questa Corte (tra le altre nn. 12844/08, 944/11), non prevede un istituto di generale applicabilità, analogo a quello di cui all'art. 81 cpv. C.P. prevedendo l'art. 8 co. 1 L. 689/81, in via generale, l'applicazione di sanzione unica solo per i casi di concorso formale, mentre tale trattamento, per una pluralità di violazioni commesse in tempi diversi in esecuzione di un medesimo disegno trasgressivo, è esteso, dal secondo comma, soltanto alle violazioni in materia di previdenza e assistenza obbligatorie), inconferente risulta il richiamo all'art. 8 bis cit. Tale norma, aggiunta dall'art. 94 del D.lgs. 507/99, come è stato pure chiarito dalla giurisprudenza di questa Corte (v. in particolare nn. 17347/07, 5225/11), non ha introdotto in materia di sanzioni amministrative l'istituto della continuazione, analogo a quello penalistico, bensì quello della "reiterazione", corrispondente ad alcune forme dell'aggravante della "recidiva" (art. 99 C.P.), per i casi in cui alle stesse siano connessi particolari effetti da specifiche disposizioni di legge.
La sentenza impugnata va conclusivamente cassata, senza rinvio, essendo stati i rimanenti motivi di opposizione già respinti in sede di merito, provvedendosi direttamente in questa sede alla reiezione dell'appello ex art. 384 co. 11 u.p. c.p.c., non rendendosi necessari altri accertamenti di fatto.
Le spese del secondo grado di giudizio e del presente, infine, vanno posti a carico della soccombente.
P.Q.M.
La Corte accoglie il ricorso principale, rigetta quello incidentale, cassa la sentenza impugnata e, pronunziando nel merito, rigetta l'appello.
Condanna la resistente al rimborso in favore del Comune di Verona delle spese processuali, che liquida, quanto a quelle del giudizio di appello, in complessivi Euro 1.500, 00, di cui 500 per diritti e 200 per esborsi, e, quanto a quelle del presente, in complessivi Euro 1.200,00, di cui 200 per esborsi, oltre accessori di legge.

giovedì 16 agosto 2012

ANIMATA DISCUSSIONE CON IL PROPRIO DATORE DI LAVORO - LICENZIAMENTO - NON SUSSISTE

Corte di Cassazione, sentenza del 20 luglio 2012, n. 12697

Con sentenza del 22/02/2007 il Tribunale di Palermo dichiarava illegittime la sospensione dal soldo e dal servizio, disposta dall'A. Palermo S.p.a. nei confronti del proprio dipendente P.S. in data 16/02/2001, e la destituzione inflittagli con provvedimento del 24/10/2001, per la mancanza di cui all'art. 45 n.11 R.D. 148/31. consistita nell'avere aggredito verbalmente, in data 12/2/2001, il proprio superiore, passando successivamente a vie di fatto, tentando di rovesciare addosso a quest'ultimo la scrivania ed una sedia dell'ufficio, ed esclamando, una volta allontanato, "e non finisce qua". Condannava l'A. S.p.a., convenuta in giudizio, a reintegrarlo nel posto di lavoro ed a corrispondergli, per il periodo di sospensione cautelare, le differenze fra la retribuzione che avrebbe percepito e l'assegno alimentare, e, dalla data del licenziamento sino a quella della reintegrazione, una indennità pari alla retribuzione globale di fatto, oltre il versamento dei contributi previdenziali ed il rimborso delle spese di lite.
Avverso tale decisione, con la quale il primo Giudice aveva ritenuto che i fatti, nel loro obiettivo svolgimento risultante dalle prove testimoniali, non corrispondessero pienamente a quelli oggetto della contestazione e non integrassero la violazione di cui all’art. 45 n. 11 R.D. cit., proponeva appello l'A.., lamentandone l'erroneità. Il lavoratore resisteva al gravame.
Con sentenza del 14 gennaio-9 aprile 2010, l'adita Corte d'appello di Palermo, rilevato che le risultanze processuali non consentivano di ritenere dimostrato, con sufficiente grado di certezza ed univocità, che il lavoratore avesse posto in essere una condotta sanzionata dall'art. 45 R.D. 8 gennaio 1931 n. 148 con la destituzione, rigettava l'impugnazione.
Per la cassazione di tale pronuncia ricorre l'A. Palermo S.p.A. con due motivi.
Resiste P.S. con controricorso.
Entrambe le parti hanno depositato memorie ex art. 378 c.p.c.

Motivi della decisione

Con il primo motivo di ricorso l'A., denunciando violazione dell'art. 45 del R.D. 8 gennaio 1931 n. 148 nonché omessa motivazione (art. 360 nn. 3 e 5 c.p.c), lamenta che la Corte d'appello, pur escludendo, attraverso una ricostruzione del fatto non più censurabile in sede di legittimità, l'aggressione fisica dello S. ai danni del superiore gerarchico, ing. C., non abbia considerato che, nel caso specifico, quello che era stato contestato allo S. non era l'insubordinazione ma il comportamento aggressivo dallo stesso tenuto "passando a vie di fatto", considerato, dal richiamato art. 45, censurabile disciplinarmente e punibile con la sanzione della destituzione.
Con il secondo motivo la ricorrente denuncia omessa ed insufficiente motivazione su un punto decisivo della controversia (art. 360 n. 5 c.p.c.) inerente alla possibilità di riscontrare nei fatti addebitati al lavoratore gli estremi del giustificato motivo soggettivo di licenziamento e lamentandone l'apodittica esclusione, operata dal Giudice a quo.
Il ricorso, pur valutato nella sua duplice articolazione, è privo di fondamento. Invero, la Corte territoriale, dopo avere esaminato il materiale probatorio acquisito, è pervenuta, argomentando adeguatamente la sua decisione, ad escludere la sussistenza materiale degli episodi addebitati al lavoratore. In particolare, ha escluso che lo S. avesse aggredito il superiore gerarchico, precisando che i testi avevano riferito che era in corso una discussione, ancorché, animata, ma nulla di più; che non era esatto che lo S. "'passava a vie di fatto" contro il C., avendo i testi riferito che non vi fu seguito alla discussione; che non rispondeva a verità che lo S. stesse "tentando di rovesciare" la scrivania, ma solo che lo stesso diede a essa una leggera spinta che la spostò minimamente; che non era vero che lo S. tentava di rovesciare addosso al superiore una sedia, limitandosi a sollevarla.; che neppure era vero che lo S. profferì la frase "e non finisce qua".
Va soggiunto che la Corte di Palermo ha con successiva corretta sussunzione giuridica, puntualmente escluso non solo la materiale sussistenza delle "vie di fatto" ma anche della "insubordinazione", non essendo emersi elementi tali da configurare gli "altri atti di grave insubordinazione", previsti dall'art. 45 n. 11 R.D. n. 148/31 ("Chi si rende colpevole di vie di fatto contro i superiori o di altri atti di grave insubordinazione").
Ha, in proposito osservato che il colloquio con il superiore aveva ad oggetto un argomento totalmente estraneo agli obblighi di servizio del lavoratore (modalità di pensionamento) senza alcuna relazione con il dovere di osservanza delle direttive del superiore gerarchico, la cui violazione avrebbe potuto configurare l'insubordinazione; ciò in quanto l'analisi critica delle risultanze processuali non consentiva di ritenere dimostrato, con sufficiente grado di certezza ed univocità, che il lavoratore avesse posto in essere la condotta, sanzionata dall'art. 45 n. 11 R.D. 8/01/1931 n. 148 con la destituzione.
Ha soggiunto, coerentemente con l'esito della espletata istruttoria, che neppure poteva ravvisarsi nella condotta del dipendente il giustificato motivo soggettivo di licenziamento, rendendo così priva di valore la questione, pur sollevata in questa sede, circa la configurabilità o meno di tale forma di licenziamento nell'ambito della disciplina speciale del rapporto di lavoro degli autoferrotranvieri. Per quanto precede il ricorso va rigettato.
Le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente alle spese di questo giudizio, liquidate in € 40, oltre € 3.000,00 per onorari ed oltre spese generali, IVA e CPA.

martedì 7 agosto 2012

SICUREZZA NEI PUBBLICI SPETTACOLI


Decreto Ministero dell'interno 15/6/2012
Modifica al decreto 6 ottobre 2009 recante regolamentazione dell'impiego del personale addetto ai servizi di controllo delle attivita' di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico.
(G.U. 18/7/2012 n. 166)
Articolo 1
Modifiche al decreto del Ministro dell'interno 6 ottobre 2009
  1. Al decreto del Ministro dell'interno 6 ottobre 2009, come modificato dai decreti del Ministro dell'interno, in data 31 marzo 2010, 17 dicembre 2010 e 30 giugno 2011, sono apportate le seguenti modificazioni:
    a) all'art. 1, comma 4, la lettera b) e' sostituita dalla seguente: «b) idoneita' psico-fisica per lo svolgimento dell'attivita' di controllo di cui all'art. 5, assenza di uso di alcol e stupefacenti, accertate con visita medica preassuntiva dal medico competente o dal dipartimento di prevenzione della A.S.L.»;
    b) all'art. 4, dopo il comma 1-bis, e' aggiunto il seguente: «1-ter. Per gli spettacoli di musica popolare contemporanea le disposizioni del presente decreto si applicano solo al personale chiamato a svolgere unitariamente tutte le attivita' individuate dall'art. 5. I soggetti di cui all'art. 1, comma 2, determinano, assumendone la relativa responsabilita' penale, civile e amministrativa, il numero degli addetti da impiegare, nonche' le misure idonee ad assicurare l'efficace e regolare svolgimento delle attivita' individuate dallo stesso art. 5, ivi compreso l'impiego di personale non iscritto nell'elenco di cui all'art. 1, comma 1, con mansioni di supporto. In ogni caso, dovra' essere previsto almeno un addetto, anche con funzioni di coordinamento del personale di supporto, in corrispondenza di varchi, ingressi, vie di esodo, aree inibite al pubblico per ragioni di sicurezza, come palco e retro palco, perimetro dell'area dove si svolge lo spettacolo ed ogni altro luogo in cui sono possibili situazioni di pericolo per la sicurezza delle persone»;
    c) all'art. 8, dopo il comma 1-ter e' aggiunto il seguente: «1-quater. Fino al 31 dicembre 2012 puo' svolgere le attivita' di cui all'art. 5 del presente decreto il personale che dimostri di aver presentato al prefetto competente, da almeno trenta giorni, l'istanza di iscrizione all'elenco prefettizio di cui all'art. 1».
    Il presente decreto entrera' in vigore il giorno della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale delle Repubblica italiana.