Visualizzazioni totali

venerdì 28 ottobre 2011

LAVORO - LEI DICE SOLO STRONZATE - REATO DI INGIURIE





Cassazione Penale, Sez. 5, 17 ottobre 2011, n. 37380

SENTENZA
 sul ricorso proposto dal Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Caltanissetta avverso la sentenza di quest'ultima Corte in data 3.2.2011 nei confronti di
 **, nato a Regalbuto il***
 visti gli atti, il provvedimento impugnato ed il ricorso;
 udita la relazione svolta dal Consigliere Carlo Zaza;
udito il Procuratore Generale in persona del Dott. Enrico Delehaye, che ha concluso per l'annullamento con rinvio della sentenza impugnata;
uditi i difensori della parte civile Avv. *** che ha concluso per l'annullamento con rinvio della sentenza impugnata, e dell'imputato Avv. *** che ha concluso per il rigetto del ricorso;
 Fatto 
Con la sentenza impugnata, in riforma della sentenza del Tribunale di Enna in data 21.6.2007, *** veniva assolto per insussistenza del fatto dall'imputazione del reato di cui all'art. 594 cod. pen., contestato come commesso l'11.6.2002 nel corso di una riunione del consiglio di istituto della scuola professionale di *** della quale l'imputato era preside, rivolgendo al docente S. la frase «lei dice solo stronzate». Le conclusione assolutoria era assunta osservando che l'avverbio «solo» anteposto alla parola volgare non compariva nel verbale nella riunione e dello stesso racconto della persona offesa, e che di conseguenza la frase ne risultava indirizzata non al modo di essere di quest'ultima ma a quanto la stessa aveva argomentato nella specifica circostanza. Il ricorrente deduce violazione di legge e contraddittorietà o illogicità della motivazione osservando che il termine “stronzate”, pur se privo dell'avverbio peraltro non escluso dallo stesso imputato, mantiene un significato offensivo soprattutto in quanto pronunciato in un consesso di educatori, e in quanto rivolto in presenza dei colleghi si riverbera necessariamente sul pensiero e quindi sul modo di essere della parte offesa, rivelando l'intenzione di umiliarla. 
Diritto
  Il ricorso è fondato.
Pur non considerando l'avverbio la cui formulazione veniva ritenuta non provata dalla Corte territoriale, non è invero possibile valutare la portata offensiva del termine oggetto dell'imputazione, sotto il profilo della sua incidenza sulla persona del soggetto passivo piuttosto che sulla sola validità dell'opinione dallo stesso manifestata, in una prospettiva avulsa dal contesto nel quale l'espressione è pronunciata.
Dei beni che costituiscono l'oggetto giuridico del reato in discussione, l'onore attiene alle qualità che concorrono a determinare il valore di un individuo, mentre il decoro concerne il rispetto o il riguardo di cui ciascun essere umano è comunque degno (Sez. 5, n. 34599 del 4.7.2008, imp, Camozzi, Rv.241346); il giudizio sulla lesione effettiva di detti beni non può pertanto prescindere dal considerare se, rispetto all'ambiente nel quale una determinata espressione è proferita, la stessa si limiti alla pur aspra critica di un'opinione non condivisa ovvero trasmodi nello squalificare la persona appena indicati. Nel caso in esame, la collocazione dell'episodio in una riunione di docenti di un istituto scolastico, lo svolgimento dello stesso in presenza di colleghi quotidianamente impegnati in un'attività professionale comune a quella del soggetto passivo e la provenienza dell'espressione contestata da un immediato superiore di quest'ultimo sono elementi sicuramente rilevanti nel definire l'incidenza lesiva della condotta, e la cui portata doveva pertanto essere esaminata ai fini di un compiuto giudizio sull'esistenza o meno di un pregiudizio per l'onore e il decoro della parte offesa nel proprio ambiente lavorativo ed umano. La sentenza impugnata deve pertanto essere annullata con rinvio ad altra Sezione della Corte d'Appello di Caltanissetta per un nuovo esame che tenga conto degli aspetti motivazionali appena indicati.
P. Q. M. 
Annulla la sentenza impugnata con rinvio per nuovo esame ad altra Sezione della Corte d'Appello di Caltanissetta.
Così deciso in Roma il 13.7.2011
Depositata in Cancelleria addì 17 ottobre 2011

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.